Nel Paese persiste la politica degli egoismi e delle ideologie, si è in presenza di politica tossica per le libertà e per la democrazia, capace di generare danno esistenziale nei cittadini esposti. Da qui la necessità di un progetto di politica alternativa per la tutela del benessere comune.

 

Risultati Elezioni Politiche 2013 - Giuseppe Maria Ianniello
RA N.24/260213 (Rev.01-270213)

Il Movimento della protesta, guidato da Beppe Grillo, diventa il primo partito italiano, superando per qualche migliaio di consensi il Partito Democratico di Pier Luigi Bersani. Emerge l'incredibile rimonta del Popolo della Libertà e la riaffermazione di Silvio Berlusconi. Il centrodestra e il centrosinistra sono divisi da una manciata di voti; a decidere il premio di maggioranza alla Camera dei Deputati sono stati poco meno di 150mila voti: solo lo 0,4%. Gli italiani hanno ripudiato i manettari Di Pietro e Ingroia; hanno confinato Monti, Casini e Fini nel cimitero degli elefanti.
L'Italia non può non essere governata! Il Popolo che vota chiede al presidente Giorgio Napolitano una riflessione molta profonda e all'Europa la difesa dei valori della Democrazia nelle sue espressioni. Due italiani su tre non sopportano che Bersani, per fatto personale, trasformi il Parlamento nel ''mercato delle vacche''. Non si può, non si deve consentire a nessuno di violentare e umiliare i sentimenti della stragrande maggioranza degli italiani, l'Italia. Prepariamo i forconi ...!

CAMERA DEI DEPUTATI

Coalizione di centosinistra, Pierluigi Bersani: 29,5%, 340 seggi.
(PD 25,4%, 292 seggi. Sel 3,2%, 37 seggi. Centro Democratico 0,5%, 6 seggi. Altri 0,4%, 5 seggi).

Coalizione di centrodestra, Silvio Berlusconi: 29,1%, 124 seggi.
(PdL 21,6%, 97 seggi. Lega Nord 4,1%, 18 seggi. Fratelli d'Italia 2%, 9 seggi. Altri partiti 0,6/0,1%, nessun seggio).

Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo 25,5%, 108 seggi.

Coalizione di centro, Mario Monti: 10,5%, 45 seggi.
(Scelta Civica 8,3%, 37 seggi. Udc 1,8%, 8 seggi. Fli 0,5%, nessun seggio).

Rivoluzione Civile, Antonio Ingroia: 2,2%, nessun seggio.
Fare per fermare il declino, Oscar Giannino: 1,1%, nessun seggio.
Totale altri partiti e movimento: 1,7%, nessun seggio.

SENATO DELLA REPUBBLICA

Coalizione di centosinistra, Pierluigi Bersani: 31,6%, 120 seggi.
(PD 27,4%, 105 seggi. Sel 3%, 7 seggi. Centro Democratico 0,5%, nessun seggio. Lista Crocetta, 0,4%, 1 seggio).

Coalizione di centrodestra, Silvio Berlusconi: 30,6%, 117 seggi.
(PdL 22,3%, 98 seggi. Lega Nord 4,3%, 17 seggi. Fratelli d'Italia 1,9%, nessun seggio. Grande Sud 0,4%, 1 seggio).

Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo 23,8%, 54 seggi.

Coalizione di centro, Mario Monti: 9,1%, 18 seggi.

Rivoluzione Civile, Antonio Ingroia: 1,8%, nessun seggio.
Fare per fermare il declino, Oscar Giannino: 0,9%, nessun seggio.
Totale altri partiti e movimento: 1,8%, nessun seggio.

Elezioni Politiche 2013 - Forza Silvio!
RA N.23/200213

La vera moralità in politica è mantenere gli impegni assunti con gli elettori. I Contratti con gli italiani ''2001 e 2008'' sono stati rispettati!
Da cittadino libero, liberale, democratico e responsabile condivido e sostengo il Progetto per l'Italia di Silvio Berlusconi.


 

__________________________________________________

Elezioni politiche 2013: attenzione, pericolo! Scansare le buche ...

 __________________________________________________

Giuseppe Maria Ianniello
RA N.22/150213 (Rev.01-170213)

Il paganello è un ghiozzo che si nutre principalmente di rifiuti domestici e industriali sospesi nelle acque. Fa parte della famiglia dei "pesci dimenticati". Nella stagione primaverile abbocca facilmente l'amo, tanto da fare la gioa dei pescatori inesperti. Secondo la leggenda, Sant'Antonio si mise a predicare ai pesci poichè gli uomini non lo ascoltavano; solo un piccolo pesce color sabbia non volle ascoltare il Santo, da cui il nome paganello, piccolo pagano.

AVVISO AI NAVIGANTI - In Romagna si usa dire "sei proprio un paganello", riferendosi a una persona credulona. Il manifesto promozionale della Provincia di Ravenna rappresenta l'appello all'adunata dei "compagni", costituisce l'autocertificazione del Partito Democratico.

3 valide ragioni per non votare PD

Il PD considera il Cittadino come un paganello da indottrinare e da alimentare con i rifiuti spacciati da soggetti organizzati.
Il PD si ricorda il 24 e 25 febbraio del voto del pesce dimenticato, tar-tassato sin dalla nascita dalle politiche sinistre.
Il paganello abbocca per la gioia dei burocrati del ''partito'', mestieranti della politica, incapaci di promuovere il Lavoro per il benessere del Paese.

FORZA ITALIA
RA N.21/140213