Nel Paese persiste la politica degli egoismi e delle ideologie, si è in presenza di politica tossica per le libertà e per la democrazia, capace di generare danno esistenziale nei cittadini esposti. Da qui la necessità di un progetto di politica alternativa per la tutela del benessere comune.

 

Magdi Cristiano Allam
RA N.340/040716

Sembra che la vera emergenza in Italia, in Europa, non sia il contrasto alla realtà del terrorismo, ma a chi denuncia l'islam.

Perché in Italia e in Europa chiunque può dire tutto e di più sul cristianesimo, la Chiesa, il Papa, Gesù e la Madonna, ascrivendolo alla libertà d'espressione, mentre non si deve dire nulla contro l'islam, Allah, Maometto e il Corano?

La risposta è semplice: chi denuncia il cristianesimo non gli succede assolutamente nulla, mentre chi denuncia l'islam viene condannato a morte. Ed è così che più i terroristi islamici ci uccidono, più legittimiamo l'islam. Più i tagliagole sgozzano, decapitano, massacrano e si fanno esplodere dentro casa nostra, più vincono i taglialingue che ci impongono di legittimare l'islam a prescindere dai suoi contenuti. Più contiamo i nostri morti vittime del terrorismo islamico, più diamo visibilità pubblica e accreditiamo sul piano istituzionale sedicenti imam e presidenti di «comunità islamiche». Più scatenano la guerra nel nome dell'islam, più si consolida il mito dell' «islam moderato», incarnato da musulmani che sostengono che i «criminali» non avrebbero nulla a che fare con l'islam, assicurandoci che l'islam è una religione di pace e di amore del tutto simile al cristianesimo. Più siamo destabilizzati dal terrorismo islamico e condizionati dall'islamizzazione demografica, religiosa e culturale, più cresce il fronte di autoctoni relativisti e islamofili che denunciano la «islamofobia», la follia di voler scatenare la guerra all'islam, il razzismo nei confronti dei musulmani, ricordandoci che se proprio i musulmani sono le principali vittime del terrorismo islamico ciò assolverebbe l'islam.

La conclusione è che il nostro Paese ... quest'Europa è votata al suicidio. Chi di noi sopravvive alla violenza fisica dei terroristi islamici tagliagole, è destinato a morire dentro, sottomettendosi alla violenza mentale, morale e affettiva dei terroristi islamici taglialingue, che ci spogliano della nostra libertà di scelta e dignità umana.