Stampa

Giuseppe Maria Ianniello
RA N.176/221114

La caciara sollevata da giornalisti, politici e sindacalisti dopo l'ultima sentenza beffa Eternit/Monferrato si contrappone al silenzio che ha accompagnato gli avvelenamenti di massa perpetrati dalla Chimica Ravenna, per 50 lunghissimi anni. Si riaprono ferite inguaribili prodotte, direttamente e indirettamente, dal “cane a sei zampe” e dalla coperativa locale del silenzio/assenso.
Cancro, morte, dolore, in-giustizia ... a Monferrato come a Ravenna Capitale.